Otturazione: restaurare i denti danneggiati

Chi non ha mai subito un’otturazione a un dente danneggiato? Si tratta infatti di un’importante pratica medico-dentistica che mira a trattare cavità, fratture o altre lesioni dentali, ripristinando la struttura e la forma del dente compromesso.

Sappiamo bene che i nostri denti possono risultare delicati ed esposti a innumerevoli problematiche che, con il tempo, li possono danneggiare. I dentisti, dunque, si affidano alle tecniche di otturazione per salvare il dente naturale e ripristinare una forma adeguata alla bocca del paziente e alla masticazione. Senza questa importante pratica, rischieremmo di ritrovarci con i denti danneggiati e l’unica soluzione sarebbe l’estrazione.

Ma in cosa consiste l’otturazione? Quali materiali vengono impiegati? Come funziona la procedura?

Come funziona l’otturazione di un dente

Le otturazioni dentali rivestono un ruolo cruciale nella prevenzione delle complicazioni dentali e nel mantenimento della salute orale a lungo termine. Quando un dente viene danneggiato da carie, traumi o altri fattori, è fondamentale intervenire tempestivamente per prevenire la progressione delle lesioni e preservare la struttura dentale residua. Le cavità non trattate possono estendersi nei tessuti dentali circostanti, causando infezioni, dolore e compromissione della funzionalità masticatoria.

Inoltre, le otturazioni dentali contribuiscono al ripristino dell’estetica del sorriso, fornendo una soluzione discreta e duratura per correggere difetti o imperfezioni visibili dei denti anteriori o posteriori. Questo è possibile grazie all’impiego di materiali moderni e che assomigliano molto allo smalto naturale.

I dentisti impiegano di solito composito, composto da resine composite e particelle di riempitivo, ionomeri di vetro, che combinano polimeri acidi e vetri di silicato e rilasciano gradualmente ioni fluoruro, contribuendo alla prevenzione delle carie e alla remineralizzazione dei tessuti dentali, oppure, anche la ceramica dentale.

Il procedimento per otturare un dente

Il processo di otturazione dentale è un procedimento delicato che richiede precisione e competenza da parte del dentista. Si comincia con una prima visita, in cui il medico comprende lo stato di salute della bocca del paziente e, in particolare, del dente da trattare.

Potrebbe essere necessaria una radiografia per constatare lo stato della carie o della lesione e programmare un intervento mirato e su misura.

Una volta che il dentista ha compreso a fondo come intervenire, comincia la procedura vera e propria. L’otturazione di un dente è solitamente indolore, solo un po’ fastidiosa per via della pressione che si percepisce in bocca e il ronzio degli attrezzi. Questo vale per le lesioni più contenute. Quando una carie è particolarmente estesa e profonda, perché non si è intervenuti prima limitando i danni, potrebbe essere necessaria un’anestesia locale per permettere al paziente di non provare alcun tipo di fastidio.

Il dentista rimuove il tessuto danneggiato e prepara il dente per l’otturazione mediante l’utilizzo di strumenti rotanti, come frese e sonic scaler, garantendo una superficie pulita e adatta all’adesione del materiale otturativo. Quest’ultimo viene applicato e modellato con cura per ripristinare la forma anatomica del dente e ottenere un’ottima tenuta. Nel caso dei compositi dentali, viene utilizzata una luce speciale (fotopolimerizzazione) per indurire il materiale in modo rapido e efficace.

Una volta indurito il materiale otturativo, il dentista esegue la finitura e la lucidatura della restaurazione per garantire una superficie liscia e ben adattata ai tessuti circostanti, riducendo al minimo il rischio di accumulo di placca batterica e irritazione gengivale.

Il paziente viene invitato a verificare la corretta occlusione e il comfort della restaurazione, mentre il dentista esegue un controllo finale per assicurarsi che l’otturazione sia stabile e funzionale.

Dopo l’otturazione è possibile percepire un leggero dolore o fastidio, che sparisce in autonomia nelle 24 ore successive all’operazione. Qualora il dolore non scomparisse, bisogna contattare il dentista, in quanto potrebbero essere rimasti scoperti dei tubuli o colletti dentali.

Quanto dura un’otturazione dentale?

La durata delle otturazioni dentali varia in base al tipo di materiale utilizzato, alle dimensioni della lesione e alle abitudini di igiene orale del paziente. In media, la loro durata è di circa dieci anni. Dopodiché, è bene richiedere nuovamente l’intervento del dentista per evitare di subire ulteriori danni.

Tuttavia, questo tempo può protrarsi ulteriormente se il paziente riesce a mantenere delle buone abitudini di igiene orale. Molti pensano che un dente otturato non si possa più cariare, ma non è così. Spesso, tra il dente naturale e l’otturazione, rimane un microscopico passaggio, attraverso il quale i batteri possono raggiungere lo smalto.

Se non ci si lava i denti dopo i pasti e non si effettuano visite periodiche dal dentista, si rischia che questi batteri proliferino, creando nuove carie anche sugli elementi già trattati.

Inoltre, è bene che il paziente ricordi di non forzare troppo i propri denti. Per proteggere la restaurazione e prevenire danni o distacchi prematuri, è consigliabile evitare cibi e bevande eccessivamente duri, appiccicosi o troppo caldi. Se a subire l’otturazione sono stati gli incisivi, è bene evitare brutti vizi come mangiarsi le unghie o aprire delle confezioni in plastica con i denti.

Conclusioni

In conclusione, le otturazioni dentali rappresentano una soluzione efficace e duratura per ripristinare la salute e l’estetica dei denti danneggiati. Grazie ai continui progressi nella tecnologia dentale e alla vasta gamma di materiali disponibili, i pazienti possono beneficiare di trattamenti personalizzati che soddisfano le loro esigenze estetiche e funzionali. Con una corretta igiene orale e visite di controllo regolari, è possibile mantenere le otturazioni in condizioni ottimali nel tempo, contribuendo così al mantenimento della salute dentale a lungo termine.

Presso il nostro centro Dental Family a Fabriano, ci impegniamo a fornire cure odontoiatriche di alta qualità in un ambiente accogliente e confortevole. Il nostro team di professionisti altamente qualificati è dedicato al benessere dei pazienti e offre soluzioni personalizzate per ogni esigenza dentale.

Non esitare a prenotare una visita presso il nostro centro dentistico a Fabriano per ricevere un’attenzione personalizzata e una consulenza professionale.

Odontostomatologia: ma che cosa vuol dire? E Che differenza c’è con l’odontoiatria?

Sentiamo spesso parlare di dentista e odontoiatra, di cui abbiamo già visto le differenze nel nostro scorso articolo. Tuttavia, non molte persone hanno mai nominato l’odontostomatologia. Non si tratta di un termine molto comune, in effetti, eppure, probabilmente anche tu hai subito almeno una volta un intervento che rientra in questa branca della medicina.

Scopriamo allora cos’è l’odontostomatologia e di cosa si occupa.

Odontostomatologia: cos’è

L’odontostomatologia è un termine complesso che può sembrare un po’ intimidatorio. Tuttavia, riguarda lo studio delle malattie della bocca e delle strutture circostanti. In sostanza, l’odontostomatologia è una disciplina medica che abbraccia lo studio e la cura delle patologie legate ai denti e alla bocca nel suo insieme.

Nell’introduzione abbiamo detto che sicuramente anche tu hai subito un intervento di odontostomatologia pensando che si trattasse invece di odontoiatria o di qualcosa che compete al dentista. Magari hai estratto un dente, come quello del giudizio, oppure hai subito l’asportazione dei frenuli labiali, il rialzo del seno mascellare e la gengivectomia.

Magari, soffrendo di parodontite, ti sei sottoposto a un intervento per il ripristino delle gengive, oppure alla germectomia, l’asportazione chirurgica del germe di un dente permanente, che rappresenta un intervento mirato per prevenire potenziali complicazioni legate alla crescita anomala dei denti.

Tutte queste operazioni rientrano nella branca dell’odontostomatologia. Ma ci sono differenze con l’odontoiatria?

Odontostomatologia e odontoiatria: differenze

L’odontoiatria è un termine più familiare, ma è importante comprendere la sua relazione con l’odontostomatologia. Si tratta di due branche diverse della medicina che consentono di formare due professionisti simili ma distinti: il dentista e l’odontoiatra. Torniamo allora sulla distinzione tra questi due ruoli.

Un dentista è un medico laureato in Medicina e Chirurgia, specializzato in odontostomatologia. Al contrario, l’odontoiatra è un medico che ha ottenuto una laurea specifica in odontoiatria e protesi dentali. La differenza è fondamentale e riflette il livello di specializzazione e approfondimento raggiunto da ciascun professionista nel loro campo di competenza.

Insomma, l’odontoiatria è una branca specifica all’interno dell’odontostomatologia che si concentra principalmente sui denti e sulle gengive. Questa disciplina è dedicata alla diagnosi, prevenzione e cura delle malattie e dei disturbi che coinvolgono questi elementi cruciali della bocca. Gli odontoiatri, professionisti in questa specialità, percorrono un lungo e approfondito percorso di studi universitari che copre una vasta gamma di argomenti, tra cui anatomia orale, radiologia dentale, chirurgia orale e ortodonzia.

D’altra parte, l’odontostomatologia è una disciplina più ampia che si estende oltre i confini della sola odontoiatria. Un dentista è un professionista che, oltre ad essere formato nella cura dei denti e delle gengive, è anche addestrato a gestire una vasta gamma di patologie che coinvolgono la bocca nella sua interezza. Ciò include le mucose orali, le ghiandole salivari e la mascella. Il dentista adotta un approccio olistico alla salute orale, occupandosi diagnostica, prevenzione e trattamento in modo completo.

A quale professionista rivolgersi?

La distinzione tra chi è preparato in odontoiatria e chi in odontostomatologia serve soltanto per consentire ai pazienti di comprendere a quale professionista rivolgersi.

La scelta tra rivolgersi a un dentista o a un odontoiatra dipende spesso dalla complessità del problema e dalle specifiche esigenze del paziente. Il dentista è il professionista a cui ci si rivolge per controlli di routine, pulizie dentali, sigillature e trattamenti per carie dentali comuni. Si occupa della diagnosi, prevenzione e cura delle malattie e dei disturbi che coinvolgono i denti e le gengive. Gestisce la sostituzione di denti mancanti con protesi rimovibili o fisse. Esegue estrazioni dentali semplici, come la rimozione di denti danneggiati o del giudizio già emersi o dritti.

L’odontoiatra è spesso un professionista più specializzato, con una formazione approfondita in protesi dentali. Si occupa di interventi chirurgici più complessi, come estrazioni di denti del giudizio inclusi o chirurgia ricostruttiva. Affronta problemi orali più complicati, come malattie delle ghiandole salivari, disturbi dell’articolazione temporo-mandibolare (ATM) e chirurgia orale estetica. Gestisce la pianificazione e l’inserimento di impianti dentali per la sostituzione di radici dentali mancanti.

In generale, se hai bisogno di cure odontoiatriche di routine o di interventi meno complessi, un dentista generale può essere la scelta appropriata. Se, invece, il problema richiede una specializzazione più avanzata, come interventi chirurgici complessi o trattamenti per patologie orali particolari, potrebbe essere opportuno consultare un odontoiatra.

Conclusioni

L’odontostomatologia è un campo multidisciplinare fondamentale per la salute orale. Attraverso la visita odontostomatologica, più conosciuta come dentistica , eseguita da professionisti qualificati, si stabilisce una base solida per la gestione preventiva e curativa di una vasta gamma di patologie orali. Questo approccio completo consente l’individuazione precoce di problemi, aprendo la strada a interventi tempestivi e personalizzati che contribuiscono a mantenere una bocca sana.

La chirurgia orale, componente integrante dell’odontostomatologia, si unisce all’odontoiatria, consentendo di affrontare interventi avanzati come chirurgia ricostruttiva e impianti dentali. Questi interventi, personalizzati per le esigenze individuali, mirano al ripristino dell’estetica e della funzionalità orale, operando attraverso la sinergia di diversi professionisti.

L’odontostomatologia pone un’enfasi significativa sulla prevenzione, con visite dentistiche regolari e una corretta igiene orale che rappresentano pilastri fondamentali. Questa pratica proattiva è essenziale per ridurre il rischio di malattie gengivali, carie e altre urgenze odontostomatologiche.

Per chiunque cerchi cure dentistiche di alta qualità, il nostro Centro Dental Family di Fabriano è pronto a offrire un’attenzione personalizzata. Il nostro team di esperti è a tua disposizione per realizzare un percorso dedicato al mantenimento di un sorriso sano e duraturo.

Prenota oggi la tua visita dentistica e previeni i più comuni problemi dentali e gengivali.

Carie dentale: è possibile prevenirla?

Tutti gli individui, almeno una volta nella vita, si trovano ad affrontare la cura di una carie, più o meno grave. In effetti, si tratta di una malattia dentale molto diffusa, ma non per questo da trascurare. Infatti, se non si interviene quando notiamo una piccola macchia sul dente, si rischia di far peggiorare il problema e di lasciare che la patologia intacchi anche parti vitali del dente.

Sono molte le persone che, in Italia, non curano immediatamente le carie: 6 italiani su 10 non si prendono cura dei propri denti, convinti che il problema passi da solo o che si stabilizzi. In realtà, attendere che la carie svanisca magicamente non fa altro che peggiorare il problema, richiedere un intervento più costoso e doloroso.

Dal momento che molte persone sono così restie a curare una carie, è possibile prevenirla e fare in modo che non si presenti mai? La risposta è affermativa e nel corso di questo capitolo scoprirai come.

Perché compare la carie?

Per comprendere appieno come prevenire la carie dentale, è essenziale analizzare le cause che la scatenano.

La carie inizia con la formazione della placca batterica sulla superficie dei denti. Questi batteri metabolizzano gli zuccheri presenti nella nostra dieta, producendo acidi corrosivi che attaccano lo smalto dentale. Nel tempo, questo processo può portare a cavità dolorose e danni strutturali ai denti.

Come prevenire la carie

Ora che sai la causa scatenante della carie, potrai immaginare anche come fare in modo che essa non compaia sui tuoi denti.

Ridurre il consumo di zuccheri raffinati e mantenere una dieta bilanciata è il primo passo cruciale nella prevenzione della carie dentale. Sono proprio gli zuccheri a rendere i batteri presenti nella bocca molto più aggressivi. Ma non pensare che solo evitando di mangiare caramelle e dolci sarai immune dalla carie. Gli zuccheri sono contenuti in molti cibi salati, come crackers, pane, salumi, yogurt dolci, bibite, cibi confezionati e pronti.

La soluzione non è eliminare completamente questi alimenti. Bisogna certamente ridurne il consumo e optare per cibi freschi, fatti in casa, tenendo conto della quantità di zucchero che si aggiunge a ogni ricetta. Tuttavia, la dieta non basta.

Una corretta igiene orale gioca un ruolo centrale nella prevenzione della carie dentale.

Abitudini da adottare per prevenire la carie

Ci insegnano fin da bambini come prenderci cura dei nostri denti, ma non sempre, da adulti, rispettiamo le prescrizioni.

Innanzitutto, molte persone non si lavano i denti quotidianamente. Si limitano a spazzolare una volta al giorno, spesso andando a dormire senza averlo fatto. Di notte, la bocca si asciuga, compromettendo la capacità della saliva di neutralizzare gli acidi batterici e rimuovere detriti alimentari. La respirazione orale, comune durante il sonno, contribuisce alla secchezza della bocca, favorendo la proliferazione batterica. Non lavarsi i denti prima di dormire significa esporre maggiormente la propria bocca alla formazione di carie e altri problemi.

Spazzolare i denti almeno due volte al giorno con uno spazzolino a setole morbide e utilizzare il filo interdentale regolarmente sono abitudini essenziali. Inoltre, è bene comprendere il movimento corretto per spazzolare, in verticale, non orizzontale, senza trascurare la parte interna delle arcate e i molari più in fondo. L’uso di dentifrici contenenti fluoro può rafforzare lo smalto dentale, rendendo i denti più resistenti agli attacchi acidi.

Inoltre, è consigliabile programmare visite regolari dal dentista per controlli e pulizie professionali.

Altri metodi preventivi: sigillatura e fluorizzazione

Oltre alle abitudini quotidiane di igiene orale, l’adozione di interventi preventivi aggiuntivi può svolgere un ruolo cruciale nella riduzione del rischio di carie dentale. I sigillanti dentali, composti da materiali sicuri e resistenti, vengono applicati sui molari per creare una barriera protettiva contro l’intrusione di cibo e batteri nelle crepe e nelle fessure dentali. Questa procedura è indolore e si può applicare a pazienti di tutte le età.

La fluorizzazione, un’altra pratica preventiva molto nota, consiste nell’applicazione di una soluzione di fluoro sulla superficie dei denti. Questa sostanza rafforza lo smalto dentale, rendendo i denti più resistenti agli acidi e meno inclini alla formazione di carie.

È importante sottolineare che la valutazione della necessità di sigillanti dentali o fluorizzazione dovrebbe essere effettuata in base alle esigenze individuali del paziente. L’unico professionista in grado di consigliare il trattamento più appropriato per migliorare la resistenza dei denti alla carie è il dentista. Inoltre, un piano di prevenzione personalizzato può includere indicazioni specifiche sull’igiene orale, incoraggiando il paziente a mantenere una collaborazione attiva nella salvaguardia della propria salute dentale nel lungo termine.

Conclusioni

Ora sai che la prevenzione della carie dentale riveste un ruolo fondamentale nella promozione di una salute orale duratura. Mantenere una rigorosa igiene quotidiana e adottare abitudini alimentari consapevoli sono passi cruciali per preservare l’integrità dei nostri denti. La consapevolezza dei fattori di rischio e dei segnali precoci possono contribuire a salvaguardare la nostra bocca da potenziali danni.

Tuttavia, la componente chiave di qualsiasi strategia preventiva è rappresentata da visite regolari dal dentista. Solo attraverso esami professionali e consulenze personalizzate è possibile individuare tempestivamente eventuali problematiche e stabilire un percorso di cura mirato.

Il nostro Centro Dental Family di Fabriano è pronto ad accogliere ogni paziente con professionalità e dedizione, offrendo servizi di alta qualità per preservare il sorriso e la salute dentale. Non trascurare l’importanza di una visita odontoiatrica periodica: prenota la tua oggi stesso e investi nel tuo benessere orale.

Che differenza c’è tra dentista e odontoiatra?

Quante volte ti sei trovato di fronte all’esigenza di contattare un professionista dei denti per risolvere un problema e ti sei chiesto: meglio il dentista o l’odontoiatra? Che differenza c’è? Non tutti lo sanno.

La cura dei denti è fondamentale per la nostra salute, e la scelta tra un dentista e un odontoiatra può sembrare un bivio complesso. Iniziamo con uno sguardo generale ai professionisti della salute dentale, gettando le basi per esplorare le sottili differenze tra queste figure.

Chi è il dentista?

Comunemente, quando si prende appuntamento per mettere l’apparecchio, curare una carie, farsi estrarre un dente, si dice “oggi vado dal dentista”. Tuttavia, il professionista a cui ci stiamo affidando potrebbe essere un odontoiatra. Facciamo chiarezza.

Dentista è una parola più facile da pronunciare, rispetto a odontoiatra, quindi la usiamo più spesso. Tuttavia, il dentista è il primo punto di contatto per molte persone quando si tratta di cure dentali di routine. Il suo ruolo spazia dalla pulizia regolare ai trattamenti per le carie, fornendo un’ampia gamma di servizi per mantenere la salute generale dei denti.

Questi professionisti sono come il medico di famiglia per i nostri sorrisi, gestendo una vasta gamma di esigenze odontoiatriche quotidiane.

Chi è l’odontoiatra?

D’altra parte, l’odontoiatra si distingue per la sua specializzazione avanzata. Mentre il dentista affronta le questioni più generali, l’odontoiatra si concentra su aspetti specifici e complessi della cura dei denti. Questi esperti sono chiamati quando le questioni richiedono una conoscenza più approfondita, affrontando situazioni che vanno oltre la routine giornaliera.

Immagina di avere bisogno di un impianto dentale per sostituire un dente mancante o di affrontare una malocclusione che richiede un trattamento ortodontico avanzato. Qui è dove l’odontoiatra entra in gioco. Questi specialisti sono anche coinvolti in chirurgie più complesse, come interventi di chirurgia maxillo-facciale.

Cambia anche la formazione

I dentisti forniscono servizi essenziali per mantenere la salute dentale quotidiana e affrontare le problematiche comuni, gli odontoiatri sono chiamati per affrontare sfide più complesse che vanno oltre la competenza di un dentista generico.

La vera distinzione tra dentista e odontoiatra, comunque, si trova nel diverso percorso di studi che questi professionisti intraprendono. Il dentista è un medico laureato in Medicina e Chirurgia, il cui percorso formativo si specializza in odontostomatologia. Questo percorso richiede un impegno educativo notevole, inizia con un corso di laurea in odontoiatria e prosegue con un programma di dottorato. Tale formazione approfondita prepara il dentista a gestire una vasta gamma di esigenze odontoiatriche quotidiane, garantendo competenze approfondite per affrontare casi comuni e fornire un’assistenza generale e di routine.

Dall’altro lato, l’odontoiatra è un medico che ha ottenuto una laurea specifica in odontoiatria e protesi dentali. Il suo percorso educativo si differenzia da quello del dentista in quanto si concentra esclusivamente sull’odontoiatria, portando a una specializzazione più focalizzata. Gli odontoiatri, oltre alla laurea di base, intraprendono ulteriori specializzazioni post-laurea. Queste specializzazioni possono abbracciare discipline avanzate come ortodonzia, chirurgia orale, e altri campi specifici. Questa formazione avanzata li dota di competenze specializzate, preparandoli ad affrontare sfide più complesse e a offrire trattamenti avanzati e specifici.

E l’odontotecnico?

Forse non si usa molto nel linguaggio comune, ma accanto a dentista e odontoiatra c’è anche l’odontotecnico. Attenzione a non confondere i professionisti, per evitare di mettersi nelle mani della persona sbagliata.

L’odontotecnico, con un diploma in Operatore Meccanico del settore Odontotecnico, è un tecnico specializzato nella realizzazione di protesi dentali. Queste protesi saranno poi installate dal dentista, poiché l’odontotecnico non ha le facoltà di intervenire direttamente sul cavo orale.

Non possiede una laurea in medicina e quindi non può occuparsi direttamente dei pazienti. A volte lo si confonde con l’odontoiatra per via dell’assonanza dei due nomi.

Conclusioni

La distinzione tra dentista e odontoiatra gioca un ruolo cruciale per garantire la fornitura di cure dentali precise e specializzate. In poche parole, entrambi sono professionisti “autorizzati a mettere le mani in bocca” ai pazienti, svolgono un ruolo fondamentale nella promozione della salute dentale, ma le differenze nei loro percorsi di studi delineano chiaramente le sfumature delle loro competenze.

Mentre il dentista è il punto di partenza per le esigenze quotidiane, l’odontoiatra è chiamato quando la situazione richiede un livello di competenza più elevato. Questa consapevolezza aiuta i pazienti a ricevere il giusto tipo di assistenza.

Va notato che al di là di questi professionisti, vi sono altre figure che completano il quadro delle cure dentali. Insieme al già citato odontotecnico, che non è un medico, ma svolge un ruolo cruciale nella realizzazione di protesi dentali, c’è anche l’igienista dentale, che contribuisce alla prevenzione delle malattie gengivali e promuove l’igiene orale.

Per chiunque cerchi una cura completa e attenta, il nostro centro dentistico, Dental Family a Fabriano, rappresenta un punto di riferimento affidabile. Con un team di professionisti altamente qualificati, siamo impegnati a fornire cure odontoiatriche di qualità. La nostra visione va oltre la semplice risoluzione dei problemi dentali: miriamo a promuovere una salute dentale duratura attraverso un approccio personalizzato e attento.

Prenota una visita presso il nostro centro per sperimentare di persona il nostro impegno per una cura completa e di alta qualità.

Odontoiatria: il benessere della tua bocca

La salute della bocca è un aspetto fondamentale del benessere generale, ma spesso sottovalutato. Si stima che in Italia più di 30 milioni di persone soffrano di problemi a denti, mascelle e altre strutture della bocca, come le gengive. Tuttavia, solo il 3% di loro intraprende una terapia curativa.

Le conseguenze di queste problematiche includono dolore, sensibilità dentale, infezioni e possibile perdita del dente se non trattate. La gengivite causa anche sanguinamento gengivale, gonfiore, rossezza, danni ossei e una diminuzione generale della salute orale. Per non parlare dell’alito cattivo.

Esistono collegamenti ben documentati tra la salute orale e il benessere generale. Le infezioni orali possono aumentare il rischio di malattie cardiache, diabete e altre condizioni mediche. Inoltre, la perdita dei denti o problemi estetici possono avere un impatto significativo sull’autostima e sulla fiducia in se stessi, influenzando le relazioni personali e professionali.

Se vuoi evitare tutto questo, devi condurre una vita sana, con una corretta igiene orale, e far visita dall’odontoiatra almeno una volta all’anno.

Odontoiatra o dentista?

L’odontoiatra e il dentista sono due professionisti del settore odontoiatrico che svolgono ruoli simili ma differiscono principalmente nella loro formazione e nel tipo di servizi che possono offrire. Il termine “dentista” è più generico e può riferirsi a professionisti con diversi livelli di formazione.

Gli odontoiatri possono eseguire una vasta gamma di servizi odontoiatrici, che includono la diagnosi, il trattamento e la prevenzione delle malattie dentali e delle condizioni orali. Possono eseguire interventi chirurgici, trattamenti canalari, estrazioni, ortodonzia, protesi dentarie, e altro ancora. Gli odontoiatri sono spesso coinvolti nella gestione di casi più complessi.

Quando fare la visita odontoiatrica?

La visita odontoiatrica regolare è il pilastro della prevenzione. Molti pazienti tendono a cercare assistenza solo quando avvertono un dolore o un fastidio evidente, ma aspettare che si sviluppi un problema dentale può comportare interventi più complessi e costosi.

Le visite odontoiatriche preventive, consigliate almeno due volte all’anno, consentono all’odontoiatra di identificare e trattare problemi dentali in fase iniziale. Questo è cruciale per evitare che le condizioni dentali peggiorino e richiedano trattamenti più invasivi.

Come funziona la visita odontoiatrica?

Molte persone hanno timore a sottoporsi alle visite dall’odontoiatra. Alcuni sottovalutano i propri problemi, altri non sopportano l’idea di mostrare la bocca a un professionista. La paura è sempre quella che ci siano effettivamente dei problemi che richiedono dolore e denaro.

In realtà, la visita odontoiatrica non deve far paura e consente proprio di evitare di provare troppo dolore o di spendere molto denaro.

Durante questa visita, il tuo dentista farà molto più di una semplice ispezione: esplorerà in profondità la salute della tua bocca e ti darà consigli personalizzati per mantenere un sorriso splendente e sano.

Prima di tutto, il dentista ti farà alcune domande sulla tua storia medica e dentale passata. Questo aiuterà a capire meglio le tue esigenze. Quindi, esaminerà attentamente la tua situazione attuale. Se necessario, potrebbe decidere di fare una radiografia delle tue arcate dentali. Così, può rivelare carie invisibili, problemi ossei, cisti o tumori, o anche verificare che i tuoi denti siano allineati correttamente.

L’obiettivo di questo check-up completo è creare un piano di trattamento personalizzato su misura per te. Come vedi, non c’è nulla da temere: la visita odontoiatrica è un investimento nella tua salute e nel tuo benessere!

Odontoiatria pediatrica: la salute del tuo bambino

La salute dentale dei bambini è una priorità per ogni genitore e l’odontoiatria pediatrica svolge un ruolo cruciale in questo processo. La corretta cura dei denti da latte e la prevenzione delle carie fin dalla prima infanzia sono fondamentali per garantire un sorriso sano e un futuro senza complicazioni dentali.

Molti genitori sottovalutano l’odontoiatria pediatrica. E’ diffusa la voce secondo cui i bambini perderebbero i denti da latte, quindi perché trattare questi elementi cariati se poi vengono naturalmente eliminati?

Le carie non trattate nei denti da latte possono influenzare la salute dei denti permanenti in crescita. Inoltre, se un bambino ha delle carie in bocca, potrebbe provare eccessiva sensibilità, dolore, problemi gengivali.

Le visite odontoiatriche consentono ai genitori e ai bambini di ricevere istruzioni sulla corretta igiene orale e sulle abitudini di cura dentale, per prevenire il verificarsi di problemi dentali futuri attraverso una corretta educazione.

Il dentista pediatrico è in grado di individuare precocemente potenziali problemi dentali, tra cui carie, malocclusioni, anomalie dentali e altre condizioni. La diagnosi precoce permette di intervenire prima che i problemi peggiorino.

Le visite odontoiatriche regolari sono fondamentali per garantire che i denti da latte ricevano la cura necessaria e che vengano prevenuti problemi dentali futuri. La salute dei denti da latte non deve essere trascurata, poiché ha un impatto duraturo sulla salute dentale complessiva del tuo bambino.

Affidati a Dental Family per te e per la tua famiglia

In conclusione, l’odontoiatria rappresenta un pilastro fondamentale per la nostra salute e benessere. Attraverso i servizi offerti presso il centro odontoiatrico, l’odontoiatra diventa un prezioso alleato nella cura della nostra salute dentale. L’igiene dentale regolare e le visite odontoiatriche svolgono un ruolo cruciale nella prevenzione e nel trattamento delle malattie dentali, garantendo un sorriso sano e radioso.

In particolare, non dovremmo trascurare l’odontoiatria pediatrica, che è essenziale per instillare abitudini di igiene orale sane fin dalla giovane età, preparando i nostri bambini per una vita di sorrisi sani.

Per garantire la migliore assistenza odontoiatrica, invitiamo calorosamente i nostri lettori a prenotare una visita presso il nostro centro odontoiatrico a Fabriano, Dental Family. Il nostro team di professionisti altamente qualificati è pronto ad offrirti un servizio di eccellenza e a prendersi cura della tua salute dentale. Non rinunciare al tuo sorriso e alla tua salute: prenota ora la tua visita odontoiatrica presso Dental Family e investi nel tuo benessere orale. Il tuo sorriso vi ringrazierà.

Protesi dentarie mobili invisibili: l’innovazione che stavi cercando

Il sorriso è uno dei tratti distintivi che ci rendono unici. Molte persone sottovalutano l’importanza estetica e funzionale dei propri denti, trascurando un aspetto fondamentale del nostro modo di comunicare con l’esterno.

Altre, invece, sono consapevoli di non possedere una dentatura perfetta e funzionale, ma non agiscono per paura di spendere troppo o per la vergogna all’idea di indossare una “dentiera”.

E se ci fosse un modo per ripristinare la tua fiducia nel sorriso senza che nessuno possa notare la differenza? Senza ricorrere ad antiestetici ponti o dentiere?

Le protesi dentarie mobili invisibili rappresentano un’innovazione rivoluzionaria che sta cambiando il mondo dell’odontoiatria, offrendo soluzioni altamente efficaci e quasi invisibili per chiunque stia cercando un miglioramento estetico e funzionale.

Solo nel 2021, più di 10.000 adulti hanno fatto ricorso a una protesi per denti invisibile, con ottimi risultati. Il mercato dell’ortodonzia invisibile sta crescendo a vista d’occhio, superando il valore di 300 milioni di euro solo in Italia.

Scopriamo di più sulle protesi dentarie mobili invisibili e quali sono i loro vantaggi.

Come funzionano?

Le protesi dentarie mobili invisibili vengono realizzate in collaborazione con il tuo odontoiatra. Dopo aver preso le misure della tua bocca, verranno create protesi su misura in un laboratorio specializzato.

Questi dispositivi sono realizzati principalmente in resina, un materiale altamente resistente e che riesce a imitare l’aspetto naturale del dente. La loro peculiarità, tuttavia, risiede nei ganci con cui si fissano ai denti. Solitamente, questi sono realizzati in metallo e, pertanto, si possono notare mentre una persona parla o sorride.

Queste protesi sono progettate per essere quasi invisibili quando indossate, specialmente sui denti anteriori. I ganci invisibili contribuiscono a migliorare l’aspetto estetico, poiché non ci sono elementi metallici visibili. Sono infatti realizzati con poliammide o il nylon, comodi da indossare e non danno alcun fastidio.

La chiave della loro efficacia e stabilità risiede nella progettazione su misura e nella loro capacità di adattarsi perfettamente ai denti del paziente. Il dentista crea solo glie elementi mancanti, consentendo inoltre di risparmiare denaro. A differenza delle protesi tradizionali, poi, quelle invisibili non richiedono la limatura o l’incapsulamento dei denti naturali per l’ancoraggio.

Indossare le protesi invisibili è indolore. Il paziente potrebbe percepire un leggero fastidio e una sensazione di pressione ai denti durante i primi periodi, ma non certo dolore, neanche sulle delicate gengive. Capita che queste ultime si possano irritare, ma si tratta di una condizione passeggera che può essere trattata molto facilmente.

Perché scegliere le protesi dentarie mobili invisibili

Non stupisce vedere la diffusione sempre più radicale delle protesi dentarie invisibili. Questi strumenti ortodontici sono utili e discreti, perfetti per chi vuole migliorare il proprio sorriso senza che nessuno se ne accorga.

Poiché non contengono elementi metallici come il cromo-cobalto, inoltre, che è noto per causare allergie in alcuni pazienti, le protesi invisibili mobili possono essere una scelta migliore per coloro che sono sensibili a tali materiali.

Le protesi mobili invisibili offrono risultati ottimali eliminando le preoccupazioni riguardo all’aspetto poco naturale spesso associato alle protesi tradizionali. Molti pazienti, soprattutto chi lavora a contatto con il pubblico, teme che “la dentiera” abbia ripercussioni sulla sua pronuncia. Grazie alle moderne soluzioni protesiche, puoi stare tranquillo: non causeranno “s” sibilanti o difficoltà nel parlare.

Grazie alla loro precisa personalizzazione, queste protesi si adattano perfettamente alla bocca, garantendo un comfort eccezionale senza causare irritazioni o fastidi. A differenza delle protesi fisse, le protesi mobili invisibili possono essere facilmente rimosse e pulite, semplificando notevolmente la manutenzione e l’igiene orale.

Oltre a migliorare l’aspetto, le protesi mobili invisibili ripristinano la piena funzionalità della bocca, consentendo di gustare i cibi preferiti e di parlare senza problemi. A volte soffriamo di rigurgiti acidi e di problemi di digestione a causa della nostra cattiva manifestazione. I problemi non nascono quindi dallo stomaco, ma dai denti. Ripristinare gli elementi mancanti consente di masticare meglio e non sentire più questi disturbi.

Quanto costano le protesi dentali invisibili?

Cerchiamo ora di rispondere a una delle domande più diffuse tra i pazienti: è vero, le protesi dentali invisibili portano una serie di vantaggi, ma quanto costano?

In generale, le protesi dentali mobili invisibili tendono ad avere un costo superiore rispetto alle protesi tradizionali a causa della loro personalizzazione e delle caratteristiche estetiche avanzate. I costi possono variare da qualche centinaio a qualche migliaio di euro o più a seconda delle circostanze.

La buona notizia è che puoi avere degli sconti se sei in possesso di un’assicurazione odontoiatrica.

Posso mangiare qualsiasi tipo di cibo con le protesi dentali mobili invisibili?

Come cambiano le abitudini se si indossa una protesi invisibile? Di solito, i dentisti consigliano di evitare bocconi troppo duri o particolarmente appiccicosi, in quanto potrebbero portare la protesi a rovinarsi o a essere rimossa dalla sua sede. Bisogna prestare molta attenzione a ciò che si mangia, ma senza rinunciare al gusto.

Questo perché le protesi invisibili risultano molto resistenti, ma è meglio non forzarle troppo, come vale anche per i denti naturali.

Ci sono situazioni in cui le protesi dentali mobili invisibili potrebbero non essere la scelta migliore per il mio caso specifico?

Le protesi invisibili sono perfetti per la maggior parte delle esigenze, sia che il paziente abbia un’età giovane o sia anziano. Sono particolarmente adatte quando non è possibile procedere all’installazione di impianti per via di un osso mandibolare non adeguato o quando si vuole evitare la scomodità della dentiera.

Tuttavia, le decisioni riguardanti il tipo di protesi dentale da utilizzare dipendono da vari fattori, tra cui la salute orale, le preferenze individuali e le esigenze del paziente. Chiedi consiglio al tuo odontoiatra, che saprà rispondere a tutti i tuoi dubbi.

Di solito, se hai una grave perdita di denti, problemi dentali complessi, come scarsa stabilità, che richiedono un sostegno significativo, potresti essere meglio servito con protesi fisse o impianti dentali.

Se al momento ti mancano degli elementi dentali o devi subire l’estrazione di alcuni denti, prenota la tua visita odontoiatrica presso il nostro Centro Dentalfamily, Dentista a Fabriano. Da noi ti sentirai accolto e sapremo rispondere alle tue esigenze. Teniamo alla tua salute e possiamo consigliarti la soluzione protesica più discreta e adatta a te.

Protesi dentaria per tornare a sorridere: tipologie, materiali e costi

Un sorriso luminoso è un prezioso biglietto da visita, ma spesso alcuni problemi dentali possono comprometterlo. No, non immaginare che le protesi dentarie siano affari per anziani. Al 70% degli italiani manca almeno un dente e parliamo di persone che hanno tra i 40 e i 70 anni.

Una scarsa igiene orale e le poche visite dal dentista possono portare a soffrire di problemi dentali che, con il tempo, si aggravano fino alla perdita del dente. Qui, è richiesta la sostituzione con una protesi dentaria, la protagonista di questo nostro articolo.

Cosa sono le protesi dentarie e a cosa servono

La protesi dentaria è un dispositivo artificiale progettato per sostituire uno o più denti mancanti o danneggiati. Le protesi dentarie giocano un ruolo fondamentale nel ripristinare la funzione masticatoria e l’estetica del sorriso. Queste soluzioni personalizzate sono realizzate su misura per adattarsi alla bocca di ogni paziente, consentendo di riacquistare la fiducia nel sorridere e migliorando la qualità della vita.

Tipi di protesi

Non esiste solo la famosa dentiera della nonna, ovvero la protesi dentale mobile, che può essere rimossa e inserita a piacimento dal paziente e coprire tutta l’arcata dentale. Con il passare del tempo, la medicina ha fatto passi da gigante e oggi possiamo contare su soluzioni discrete, comode e anche accessibili a tutti.

Esistono, ad esempio, protesi dentarie mobili invisibili, la soluzione ideale per coloro che desiderano una protesi discreta e poco visibile. Le protesi dentali mobili invisibili, spesso chiamate dentiere trasparenti, sono realizzate in materiali traslucidi che si mimetizzano con i denti naturali, rendendole virtualmente invisibili.

Ci sono poi le classiche dentiere che, però, vengono realizzate con materiali innovativi e progettate con tecniche di precisione, offrono un’aderenza sicura e un’ottima funzionalità. Alcune possono coprire tutta l’arcata, altre solo rimpiazzare alcuni elementi, evitando l’estrazione dei denti sani. Ci sono anche le protesi morbide, realizzate con materiali morbidi e flessibili, offrendo un comfort superiore e adattandosi meglio alla bocca del paziente.

In alternativa, il paziente potrebbe richiedere una protesi fissa, un tipo di protesi ancorata saldamente agli impianti dentali, garantendo una stabilità superiore rispetto alle dentiere mobili. La protesi dentale fissa è una scelta eccellente per coloro che desiderano una soluzione permanente e stabile ma, come vedremo, è più costosa.

Lo scheletrato dentale, infine, è una protesi parziale rimovibile, costituita da una struttura metallica che si adatta alla forma della bocca. Questa opzione è ideale per i pazienti con più denti mancanti, poiché può essere agganciata ai denti naturali esistenti per un maggiore supporto, con ganci altamente estetici.

I vantaggi di una protesi dentaria

Una protesi dentaria è un investimento per la qualità della tua vita. Se si mantiene una salute dentale eccellente e si seguono i consigli del proprio dentista, una protesi può durare almeno 15 o 20 anni. Tutto dipende anche dall’evoluzione della bocca del paziente: visite regolari dal dentista consentono di comprendere come migliorare la masticazione, l’estetica e la funzionalità della bocca attraverso un nuovo tipo di protesi.

La perdita dei denti o la presenza di denti danneggiati può avere un impatto significativo sulla qualità della vita di un individuo. Le protesi dentali rappresentano una soluzione efficace per:

  • ripristinare la funzione masticatoria

La mancanza di denti o la presenza di denti malandati possono ostacolare la corretta masticazione e deglutizione degli alimenti. Ciò può influire negativamente sulla digestione e sull’assimilazione dei nutrienti essenziali per il benessere generale. Le protesi dentarie, sia mobili che fisse, consentono al paziente di recuperare una corretta funzione masticatoria, migliorando la capacità di masticare e deglutire cibi di diverse consistenze. Questo ripristino della funzione masticatoria migliora il processo digestivo e contribuisce al benessere generale dell’individuo.

  • rendere il sorriso esteticamente più bello

La perdita dei denti può influenzare l’articolazione delle parole e la pronuncia corretta dei suoni. Questo può portare a difficoltà di comunicazione e ad un senso di isolamento sociale, nonché a disagio perché sembra quasi che tutte le persone si concentrino sulla mancanza dei denti del paziente.

Le protesi dentali, specialmente quelle fisse e realizzate con materiali estetici come la zirconia o disilicato di litio ceramizzati, restituiscono un sorriso naturale e armonioso al paziente.

  • migliorare l’autostima del paziente

Le protesi dentali consentono al paziente di riappropriarsi del proprio sorriso e di recuperare la fiducia in se stesso. Con una protesi dentale adeguata, il paziente si sente più sicuro nelle interazioni sociali e riacquista la capacità di sorridere senza timori.

Se anche tu in questo momento sei a disagio perché ti mancano degli elementi dentari o non sei soddisfatto del tuo sorriso, non esitare a contattare il centro odontoiatrico a Fabriano Dental Family. Ti accoglieremo con attenzione, ascolteremo le tue esigenze e ti proporremo delle soluzioni efficaci per farti stare meglio. Il tutto a prezzi alla portata di tutti e nel massimo rispetto della tua privacy.

Sempre fieri di farvi sorridere

Consigli e trattamenti per la tua igiene dentale

L’igiene dentale è un aspetto fondamentale per mantenere un sorriso sano e luminoso. Una corretta cura dei denti e delle gengive non solo contribuisce a prevenire problemi come la carie e la gengivite, ma può anche influire positivamente sulla salute generale del nostro organismo e sulla nostra autostima.

Ecco perché noi di Dental Family offriamo servizi odontoiatrici professionali nel nostro centro di Fabriano. Teniamo molto alla tua salute e ti affianchiamo in ogni modo per avere un sorriso bello e sano. Con questo articolo, vogliamo fornirti i migliori consigli e trattamenti per la tua igiene dentale.

Seguili e di’ addio a carie e altri problemi orali!

Ruolo dell’igienista dentale nell’igiene orale

Una delle figure a cui ti devi affidare anche due volte all’anno per curare i tuoi denti è l’igienista dentale.

Gli igienisti dentali sono professionisti specializzati nell’assistenza e nella prevenzione dei disturbi dentali. Collaborano con i dentisti per garantire una corretta igiene orale e svolgono un ruolo chiave nel promuovere la salute del tuo sorriso.

Infatti, recandoti periodicamente da un igienista dentale, potrai rimuovere a fondo il tartaro dai denti, responsabile di disturbi come carie, gengivite, alito cattivo e infiammazioni del cavo orale. Questo professionista sfrutta la potenza di un getto d’acqua, grazie a uno speciale idropulsore, che attacca direttamente il tartaro, anche quello presente sui denti da più tempo, e lo rimuove lasciando la bocca pulita e libera da batteri.

La procedura è indolore e ha una durata variabile: se effettui la pulizia dentale spesso, una seduta può durare anche solo un quarto d’ora.

Ma non solo: l’igienista dentale si rende conto delle tue abitudini di igiene e te ne consiglia di migliori per contrastare la formazione di batteri dannosi nella tua bocca. Ascoltalo sempre e recati in studio per una visita odontoiatrica una o due volte l’anno!

I consigli dell’igienista dentale

Fin da bambini ci insegnano che dobbiamo lavare i denti almeno due volte al giorno dopo i pasti, evitare cibi estremamente zuccherati e non andare mai a letto senza prima aver spazzolato. Potrebbero sembrare consigli banali, ma secondo un recente studio, 3 italiani su 10 non si lavano i denti almeno due volte al giorno. Si limitano a farlo la sera prima di andare a dormire e spesso in modo scorretto.

Invece, più del 50% degli italiani non effettua visite periodiche dal dentista. Anzi, vi si reca solo quando i problemi si fanno sentire e causano dolore. Ricorda: le visite periodiche dal dentista sono una forma di prevenzione come altri controlli medici. Prima ti accorgi dei problemi e maggiori saranno i soldi e il dolore che risparmierai.

Lavarsi i denti almeno due volte al giorno e nel modo corretto

Ti consigliamo di spazzolare i denti almeno due volte al giorno, dedicando almeno due minuti a ogni sessione.

Utilizza uno spazzolino con setole morbide e dalle dimensioni adeguate alla tua bocca e sostituiscilo ogni 3-4 mesi o quando le setole iniziano a deteriorarsi. Scegli un dentifricio contenente fluoro per aiutare a prevenire la formazione di carie e mettine poco sulle setole.

Tieni lo spazzolino con un angolo di 45 gradi rispetto alla linea gengivale. Inizia con i denti posteriori superiori o inferiori e procedi verso gli altri. Effettua movimenti circolari o orizzontali con lo spazzolino, lavorando su tutte le superfici dei denti, ovvero frontale, superiore e, soprattutto, non dimenticare la parte interna delle arcate.

Se utilizzi uno spazzolino elettrico, ci raccomandiamo, non muovere la mano per spazzolare: basta appoggiare lo spazzolino sulle superfici dei denti e farlo scorrere delicatamente su tutta l’arcata.

Pulisci la lingua

Non dimenticare di spazzolare delicatamente anche la lingua per rimuovere i batteri responsabili del cattivo alito. Esistono spazzolini con una speciale membrana di gomma sul retro, speculare alle setole, molto utile per lavare anche la tua lingua. Se non possiedi questo strumento, esistono puliscilingua in metallo, igienici e facili da usare.

Completa la pulizia

Dopo lo spazzolamento, puoi completare la pulizia dei denti utilizzando diversi strumenti o prodotti:

  • idropulsore dentale, uno strumento efficace per completare la routine di pulizia orale che utilizza un getto d’acqua pressurizzata. In questo modo, aiuta a rimuovere i residui di cibo e la placca accumulati tra i denti e lungo la linea gengivale. È particolarmente utile per raggiungere zone difficili da pulire con lo spazzolino tradizionale, soprattutto se si indossano apparecchi, e può contribuire a ridurre il rischio di infiammazioni gengivali
  • filo interdentale, ovvero l’amico migliore per le tue gengive. Anche se i denti ti sembrano puliti, una volta spazzolati, in realtà nascondono ancora della placca negli spazi tra uno e l’altro. Il filo interdentale consente di rimuoverli accuratamente, evitando che le gengive si irritino e che peggiorino problemi come la gengivite o la piorrea
  • colluttorio, che puoi trovare al supermercato o in farmacia. Ce ne sono anche di specifici alla clorexidina, un potente antibatterico che consente di combattere in modo più efficace i batteri cattivi della bocca e disinfiammare le gengive. Si tratta, però, di un medicinale che deve prescrivere il dentista e che non deve essere usato spesso per evitare l’annerimento dello smalto.

Conclusioni

La cura dell’igiene dentale è essenziale per mantenere una bocca sana e un sorriso luminoso. Le regole sono poche e semplici: lavare con cura i denti almeno due volte al giorno, possibilmente dopo i pasti; usare filo interdentale e idropulsore per eliminare anche lo sporco più difficile da raggiungere; recarsi dall’igienista dentale almeno una volta all’anno per rimuovere la placca e per controllare che non ci siano problematiche in corso.

Mantenere una buona igiene orale ti permetterà di sorridere a pieni denti, con la fiducia di una bocca sana e ben curata. Non spenderai soldi inutili per interventi dolori e anche il tuo organismo sarà molto più in salute. Cosa aspetti? Prenota la tua seduta di igiene dentale presso il nostro studio dentistico a Fabriano Dental Family.

Ti offriremo il trattamento professionale e l’igiene che meriti!

Sbiancare i denti: cosa dovresti sapere

L’aspetto dei denti è diventato un elemento importante nella società moderna, dove l’estetica gioca un ruolo sempre più rilevante nella vita quotidiana. La percezione della bellezza del sorriso e dei denti bianchi e luminosi è diventata un criterio importante per la valutazione dell’immagine di una persona.

In questo contesto, sbiancare i denti, il processo di rimuovere le macchie superficiali sui denti e di schiarirne il colore, è diventata un’attività comune di molti studi dentistici. Questo trattamento può essere effettuato sia presso un professionista che addirittura a casa, utilizzando prodotti specifici di cui, comunque, invitiamo a fare buon uso e a prestare attenzione alla loro provenienza.

Le statistiche dimostrano che sempre più persone sono preoccupate dell’estetica del proprio sorriso e desiderano migliorare l’aspetto dei loro denti. Infatti, un sorriso luminoso e bianco è considerato un segno di salute, igiene e bellezza ed è spesso associato a una maggiore fiducia in se stessi e a una migliore qualità della vita.

In Dental Family, offriamo il servizio di sbiancamento dentale e odontoiatria estetica, ideale per tutti coloro che vogliono ritrovare la bellezza del proprio sorriso e la fiducia in se stessi. Ma in cosa consiste lo sbiancamento dei denti? Come si effettua? Prosegui nella lettura e scopri di più.

Perché i denti ingialliscono?

Prima di parlare di sbiancamento dei denti, è bene conoscere meglio le cause dell’ingiallimento, in modo da prevenirlo e fare molta meno fatica per ripristinare il colore naturale dello smalto.

Una delle principali è l’invecchiamento, che porta alla progressiva usura dello smalto e all’esposizione della dentina sottostante, che ha una tonalità giallastra. Quindi, andando avanti con l’età, è normale ritrovarsi i denti un po’ più scuri.

Poi, ci sono alcune abitudini che cambiano permanentemente il colore dello smalto sui denti:

  • il consumo eccessivo di caffè, tè, vino rosso e cibi altamente pigmentati come le bacche
  • il fumo di sigaretta e la masticazione del tabacco, a causa della nicotina e delle sostanze chimiche contenute nei prodotti
  • la mancanza di igiene orale adeguata può portare alla formazione di placca batterica e tartaro sui denti, che possono dare un aspetto giallastro e opaco alla superficie dentale.

Se fai una di queste cose e non sei soddisfatto dell’aspetto dei tuoi denti, è bene smettere immediatamente, oppure provare qualche rimedio naturale per provare a recuperare un po’ l’aspetto naturale dello smalto.

Uno dei metodi più popolari per sbiancare i denti in modo naturale è quello di mescolare bicarbonato di sodio con acqua e utilizzare il composto come dentifricio. Questo può funzionare per sbiancare i denti, ma l’abrasività del bicarbonato di sodio potrebbe causare danni allo smalto se usato troppo spesso.

Un altro rimedio casalingo per sbiancare i denti è quello di strofinare la superficie dei denti con succo di limone o aceto di mele. Tuttavia, questi acidi possono erodere lo smalto dei denti se utilizzati in modo eccessivo o per periodi prolungati. Un ingrediente naturale che offre da subito un aspetto più bianco ai denti e non ha controindicazioni è invece il carbone vegetale, ma i suoi effetti non sono a lungo termine.

Il consiglio è quindi quello di rivolgersi a un professionista e procedere con lo sbiancamento dentale. Ecco quindi come funziona e cosa aspettarsi dal trattamento.

Cosa vuol dire esattamente sbiancare i denti e come funziona la procedura

Il processo di sbiancamento dentale è una procedura che utilizza prodotti chimici per rimuovere le macchie superficiali sui denti e migliorarne l’aspetto. I principali ingredienti utilizzati nei prodotti per lo sbiancamento dentale sono il perossido di idrogeno e il perossido di carbamide, che agiscono da agenti sbiancanti.

Una seduta dal dentista per lo sbiancamento dei denti è generalmente un processo abbastanza semplice. Innanzitutto, il dentista esaminerà i tuoi denti per assicurarsi che siano sani e adatti per lo sbiancamento. Di solito vengono scattate delle foto o misurato il grado di ingiallimento dei denti, in modo da capire quanto li vuoi rendere bianchi e come intervenire per ottenere un risultato soddisfacente.

Il dentista ti applicherà poi un gel sbiancante sui denti. In alcuni casi, il dentista utilizzerà una lampada a LED per attivare il gel e accelerare il processo di sbiancamento.

Durante il trattamento, il dentista ti chiederà di rimanere seduto con il gel sui denti per circa 15-30 minuti. Questa procedura può essere ripetuta diverse volte durante la seduta a seconda del grado di sbiancamento desiderato e della sensibilità dei tuoi denti.

Alla fine del trattamento, il dentista rimuoverà il gel e ti mostrerà i risultati. Potresti notare un cambiamento immediato nella tonalità dei tuoi denti, ma i risultati finali potrebbero richiedere diverse sedute.

Riguardo all’efficacia del trattamento, lo sbiancamento dentale professionale è un metodo sicuro ed efficace per migliorare l’aspetto dei denti. I risultati ottenuti sono visibili immediatamente dopo il trattamento e possono durare da sei mesi a due anni, a seconda dello stile di vita del paziente. Ovviamente, se è un accanito fumatore, dopo pochi mesi lo smalto tenderà nuovamente al giallo.

Vieni a scoprire il nostro trattamento di sbiancamento dentale in Dental Family, centro odontoiatrico a Fabriano.

Prenota la tua prima visita odontoiatrica e torna a sorridere sicuro di te e spontaneamente come un tempo!

Visita odontoiatrica: in cosa consiste e quando farla

Non a tutti piace andare dal dentista. C’è chi si reca in uno studio odontoiatrico solo quando ne ha particolarmente bisogno e non per prevenzione. Queste persone non sanno che le patologie dentali, se trascurate, possono portare ad altri problemi, alla digestione, per esempio.

Inoltre, secondo recenti studi, le patologie dentali possono diffondere batteri nel sangue e in tutto il corpo, portando a problematiche ben più gravi o fatali.

La visita odontoiatrica rappresenta un aspetto fondamentale per la salute dei denti e della bocca. Molte persone, tuttavia, sottovalutano l’importanza di effettuare regolarmente una visita, rischiando così di far peggiorare la propria condizione fino a doversi sottoporre a interventi più pesanti, dolorosi e costosi.

In questo articolo esploreremo in dettaglio cos’è la visita odontoiatrica, quando farla e come prepararsi al meglio per sfruttare al massimo i benefici di questa pratica. Speriamo così di farti passare la paura del dentista e di abbracciare uno stile di vita sano per la tua bocca.

In cosa consiste la visita odontoiatrica

Durante una visita odontoiatrica, l’odontoiatra esamina la bocca, i denti e le gengive del paziente alla ricerca di eventuali problemi. In particolare, il dentista controlla la presenza di carie, di placca e di tartaro, di infiammazioni gengivali o parodontali, la corretta occlusione e l’allineamento dei denti.

Durante la visita, l’odontoiatra potrebbe anche effettuare una serie di esami, come l’imaging radiografico, per controllare che non vi siano problemi a livello osseo. Se si tratta di una semplice visita di routine, di solito, l’odontoiatra si limita a guardare i denti e le gengive del paziente, senza particolari tecniche invasive.

Quindi, non c’è da temere nulla e non serve neanche sottoporsi a una specifica preparazione. Ricorda, però, di lavarti in modo molto approfondito i denti prima di recarti in studio! Se non hai tempo, porta con te il tuo spazzolino e una bottiglietta di collutorio e utilizza il bagno dello studio medico.

Ulteriori interventi

Dopo aver effettuato un’anamnesi e un esame visivo della bocca del paziente, il dentista potrebbe richiedere l’intervento di un igienista dentale. Quest’ultimo potrebbe effettuare una pulizia dentale per rimuovere il tartaro e la placca, ma anche per vedere meglio l’eventuale presenza di carie o problemi gengivali.

Non solo: in base ai risultati dell’esame, il dentista potrebbe pianificare eventuali interventi terapeutici, come l’estrazione di un dente, il ripristino di una carie o l’applicazione di protesi dentarie.

In caso di cattivo allineamento dei denti e scorretta occlusione, è possibile che il paziente soffra di malocclusioni, bruxismo o disturbi dell’ATM. Anche in queste condizioni, il dentista potrebbe richiedere l’applicazione di un bite o l’intervento sulla mandibola.

Quando andare dal dentista per una visita di controllo?

In generale, è consigliato sottoporsi a una visita odontoiatrica almeno una volta all’anno, anche in assenza di sintomi o fastidi evidenti. Tuttavia, la frequenza delle visite dipende dalle esigenze e dalle condizioni specifiche di ogni paziente.

In alcuni casi, ad esempio, potrebbe essere necessario effettuare visite più frequenti a causa di fattori come la presenza di patologie pregresse, l’utilizzo di protesi dentarie o l’assunzione di farmaci che possono influire sulla salute dei denti.

In ogni caso, è importante seguire le indicazioni del proprio dentista per stabilire la frequenza ideale delle visite odontoiatriche. In generale, tuttavia, è sempre meglio prevenire piuttosto che curare, e sottoporsi a una visita odontoiatrica regolare è il modo migliore per mantenere la salute dei denti e della bocca nel lungo periodo.

Cosa fare dopo la visita odontoiatrica

Una volta terminata la visita odontoiatrica, ti renderai conto di quanto possa fare bene alla tua salute dentale e al tuo portafoglio. Tuttavia, non dovrai dimenticare alcune buone abitudini che sicuramente il tuo odontoiatra ti indicherà.

  1. Seguire una corretta igiene orale, spazzolare i denti almeno due volte al giorno, utilizzare il filo interdentale e il collutorio per rimuovere i residui di cibo e prevenire la formazione di placca e tartaro
  2. Limitare il consumo di cibi e bevande zuccherate: gli zuccheri possono causare carie e infiammazioni gengivali, quindi è importante assumerne in quantità ridotte. Anche il tuo cuore e il tuo sistema cardiovascolare ti ringrazieranno
  3. Sottoporsi a controlli periodici, ad esempio ogni 6 mesi o ogni anno, per monitorare la salute dei denti e prevenire eventuali problemi
  4. Seguire le istruzioni del dentista, se questo ha prescritto dei trattamenti o delle terapie
  5. Prestare attenzione ai segnali di eventuali problemi: se si avvertono dolori o fastidi ai denti o alle gengive, è importante segnalarli al dentista per una valutazione approfondita.

Conclusioni

In conclusione, la visita odontoiatrica è un controllo importante per mantenere la salute dei nostri denti e prevenire eventuali problemi dentali. Durante la visita, il dentista esegue una serie di test e esami per valutare lo stato di salute dei denti e delle gengive e consigliare eventuali terapie o trattamenti.

Non si tratta dunque di un intervento invasivo, fastidioso o costoso, quindi è bene non rimandarlo. Sono 17 milioni gli italiani che non fanno visite di controllo periodiche e che quindi rischiano di soffrire di patologie difficili da trattare e spesso irreversibili. Un milione di nostri concittadini, addirittura, non si reca mai dal dentista nella vita, per pigrizia o anche perché hanno la fortuna di non essere predisposti all’insorgenza di patologie dentali.

Tuttavia, la gran parte delle persone non ha questa fortuna e necessita di controlli periodici preventivi. E’ consigliabile effettuare una visita odontoiatrica almeno una volta all’anno, anche in assenza di sintomi o problemi evidenti, per monitorare la salute dei nostri denti e prevenire eventuali patologie.

Inoltre, è importante seguire le raccomandazioni del dentista per mantenere una corretta igiene orale e prevenire l’insorgenza di problemi dentali. La prevenzione e la cura tempestiva dei problemi dentali non solo migliorano la salute dei denti, ma possono anche avere un impatto positivo sulla nostra salute generale.

Quindi, non trascurare la tua salute dentale e prenota una visita odontoiatrica il prima possibile presso Dental Family, studio odontoiatrico a Fabriano. Otterrai un servizio attento e personalizzato in base alle tue esigenze, per tornare a sorridere in piena salute.